Nel giorno dei Santi patroni il Vescovo benedice Scala 4.0 - Fondazione Spedali Civili - Brescia
0303995937
info@fondazionespedalicivili.it

News

Nel giorno dei Santi patroni il Vescovo benedice Scala 4.0

Nel giorno dei bresciani la benedizione del Vescovo a Scala 4.0. A San Faustino il pensiero va ai pazienti, alle famiglie e al loro ospedale.

 

Nel giorno in cui si celebrano i Santi patroni bresciani, Faustino e Giovita, il pensiero va ai bresciani: a coloro che non ci sono più, a chi soffre, a chi è guarito, a chi con forza sta superando una malattia o sta attraversando un momento buio della vita. La preghiera va anche a tutte le famiglie dei pazienti ricoverati in ospedale, agli operatori sanitari che con amore si prendono cura ogni giorno dei malati. Scala 4.0 è un esempio di sacrificio, attenzione e professionalità. Ecco perché oggi, nel giorno dei bresciani Sua Eccellenza Pierantonio Tremolada, Vescovo di Brescia, ha benedetto la struttura dedicata ai pazienti COVID.

La nostra fede ci spinge a vivere la prossimità come espressione dell’amore di Cristo, il buon Samaritano, che con compassione si è fatto vicino ad ogni essere umano – ha dettoil Vescovo di Brescia – Questo drammatico momento storico, ha reso ancora più evidente il bisogno di aiutarci gli uni gli altri. Se ci sentiamo fratelli – come scrive il Papa – potremo guardare al futuro con speranza

“Brescia e la sua Asst durante la prima ondata pandemica hanno dovuto sopportare una pressione fortissima e oggi – pur mantenendo attivi reparti fondamentali come l’oncologia, i trapianti, la cardio chirurgia e tutte le funzionalità per la gestione di pazienti che non devono essere procrastinati – si dota di un complesso rinominato Scala 4.0 per dare un segnale forte di innovazione applicata al mondo sanitario”, ha sottolineato il direttore generale dell’Asst Spedali Civili, Massimo Lombardo.

Scala 4.0 è un ambizioso progetto che ha visto la sua realizzazione in circa 45 giorni dall’inizio dei lavori e non è costato all’amministrazione sanitaria nemmeno un euro grazie alle donazioni raccolte dalla Fondazione Spedali Civili sul territorio, che attraverso la Cooperativa Per Brescia ha realizzato la ristrutturazione del padiglione, e da una donazione di Intesa Sanpaolo che ha reso possibile la fornitura delle apparecchiature del reparto.